HomeChi siamoServiziMonitoraggioDocumentiEnti di gestioneNewsLinkContatti

News


Fonte: http://www.interportomarche.it

06/02/2012

Ottimi risultati del secondo incontro a Mosca tra i vertici doganali russi e quelli italiani

Pochi giorni fa a Mosca si è svolto il secondo incontro di lavoro della commissione mista composta dai vertici del Servizio Doganale Russo e dell’Agenzia delle Dogane Italiane per proseguire lo studio di quel “Corridoio Verde” il cui progetto si deve alle intuizioni e alla collaborazione tra il Consolato Onorario della Federazione Russa di Ancona (sede operativa Interporto Marche) e l’Ente Statale Federale Unitario Rostek.

I due interlocutori statali continuano ad avvalersi, a mano a mano che l’analisi concretamente e velocemente procede, della collaborazione competente dell’Ente Rostek che, come si sa, ha istituito la sua prima sede europea a Jesi, a fianco al Consolato sito all’interno dell’Interporto Marche.
Il risultato di questo intenso lavoro sarà che a breve molte limitazioni e molti problemi inerenti al traffico delle merci tra l’Italia e la Russia (e viceversa) verranno superate grazie a precise disposizioni di legge che saranno condivise dalla Russia e dall’Italia.
Da questo momento – data la delicatezza del tema – le notizie circa il proseguimento dell’attività dei lavori saranno limitate al massimo. Certo è che, nel giro di non molto tempo, i principali nodi (compresi alcuni comportamenti di natura contraria alla legge) verranno al pettine a vantaggio dell’interscambio tra le due nazioni e delle imprese che operano con serietà e profitto nei due mercati.
Le decisioni tra i vertici doganali russi e italiani finiranno poi per avere riflessi anche nei rapporti tra l’Italia e il Kazakistan e la Bielorussia (con cui la Federazione Russa possiede una unione doganale) nonché, successivamente, tra la Russia e la Comunità Europea.

Fonte: http://www.interportomarche.it

© 2018 | TRAIL MARCHE - Piattaforma Logistica Regionale | Informativa sui Cookie